Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Quei supereroi dietro la scrivania di Italia’s Got Talent

 Quei supereroi dietro la scrivania di Italia’s Got Talent

di Martina Caimi

Il metronomo che scandisce la durata dell’esibizione dei concorrenti è un semplice pulsante rosso dal potere e dal rumore esclusivo: il Buzz. Italia’s Got Talent 2015 vanta un parterre di giurati capaci di completarsi a vicenda, partendo da background differenti. Come nei migliori fumetti dei supereroi, i giudici sono quattro. Claudio Bisio, nei panni di Arrow, ha nella sua faretra frecce pronte ad essere scagliate in analisi mirate. A volte il suo essere meravigliato lo porta a scoprire più a fondo il concorrente in gara, riuscendo a mantenere sempre aperta la sua finestra sulla comicità.

Nina Zilli, Batgirl, è in grado di celarsi dietro svariati cambi look che al tempo stesso la mettono a nudo, facendo emerge la sensibilità di cantante, capace anche di prendere le cosiddette decisioni di pancia. Frank Matano, che potrebbe impersonare il fumetto Shazam, figlio del web, la sua carta vincente è la velocità con cui entra in empatia con i concorrenti, accompagnato da un eterno spirito giocoso. Luciana Litizzetto, Wonder Woman, finalmente esce dalla gabbia dorata di Che tempo che fa, mostrandosi libera da maschere pirandelliane, capace di essere un giudice consapevole con il giusto pizzico di umorismo. Infine la Donna Invisibile è Vanessa Incontrada, padrona del backstage, la cui solarità e capacità di ascolto la fanno diventare una vera complice dei concorrenti.

Lo sbarco di Italia’s Got Talent sulla tv satellitare coincide con una metamorfosi di luci e scenografie accompagnate dal montaggio incalzante che solo Sky riesce a garantire fin dal primo sguardo. Si scorge una narrazione tradizionale che incontra la rivoluzione, come ad esempio la conclusione della prima serata alle 22.45, vera utopia nella generalista. Forse è proprio questo il motivo principale per cui non è ancora entrato in scena lo spettro della noia.

Un’altra novità di questa edizione sta nell’introduzione del Golden Buzz, un pulsante dorato al centro del tavolo che può essere premuto una sola volta, da ciascun giudice, durante le audizioni per fare accedere un concorrente direttamente alle semifinali saltando la fase dei Selection Day. Ma c’è un ulteriore elemento di curiosità: con l’inizio delle semifinali partirà anche un appuntamento live di 45 minuti che rivelerà i retroscena con un registro comico, dove alla conduzione si vocifera la presenza di Rocco Tanica e Lucilla Agosti. Il titolo di questo after-show corrisponde al quesito che ormai, giunti alla sesta edizione di IGT, forse può affiorare nella mente dei telespettatori: Italia’s got veramente talent? Ai giudici l’ardua sentenza. 

Tags

Condividi questo articolo