Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

L`altra domenica: Arbore e il primo contenitore della tv

L’altra domenica è il primo contenitore della tv italiana.

Trasmesso dal 28 marzo 1976 sulla Rete2, alle 13.30, affonda le radici nell’esperienza radiofonica arboriana.

In un clima divertito, tra consapevole innovazione e sapiente improvvisazione, Arbore si circonda di una banda di artisti e personaggi che danno vita ad un pomeriggio televisivo senza precedenti.
Da Roberto Benigni, improbabile critico cinematografico, al cugino americano Andy Luotto, dalla musica delle Sorelle Bandiera ai disegni animati di Maurizio Nichetti e Guido Manuli, senza dimenticare i surreali inviati disseminati in giro per il mondo, da Londra a New York: Mister Ramengo (Mario Marenco), perennemente annoiato o disturbato dal contesto in cui si trova, Fabrizio Zampa, pronto a tutto, Michel Pergolani, con le sue avanguardie musicali, e ancora Isabella Rossellini, Francoise Riviere e Silvia Annichiarico.

Inizialmente legata a doppio filo al pomeriggio calcistico, in breve il programma si evolve verso una dimensione prettamente spettacolare.

L’Altra domenica è anche il primo programma a sperimentare l’interattività coi telespettatori, assegnando al telefono un ruolo centrale, attraverso giochi (Indovina indovinello dove sta la caramello, il gioco del due, l’oggetto misterioso etc.) condotti dallo stesso Arbore.  

Per ricordare il programma vi proponiamo L'altra domenica Una tantum, un'edizione speciale andata in onda il 4 marzo 1979 per festeggiare la centesima puntata del programma di Renzo Arbore e Ugo Porcelli.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo