Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Il silenzio assordante delle indagini di Chi l’ha visto

 Il silenzio assordante delle indagini di Chi l’ha visto

di Matteo Rossini

Venticinque anni di programmazione, cambi di messa in onda e diverse conduttrici al timone. Chi l’ha visto? non ha mollato il colpo aumentando ascolti e credibilità di anno in anno. In un periodo di crisi televisiva, il programma di Rai Tre si conferma un baluardo della tv italiana. Federica Sciarelli arriva nel 2004 ereditando da Daniela Poggi una trasmissione di successo, ma ancora un po’ di nicchia. La conduttrice inizia un processo di rimodellamento dando al format le sue qualità: serietà, riservatezza e sicurezza. Sciarelli fa sì che Chi l’ha visto? assuma una propria personalità distinguendosi dal resto delle concorrenti che negli ultimi anni affollano il palinsesto.

Chi l’ha visto? è uno dei pochi programmi che vanno in onda per dieci mesi all’anno, da settembre a luglio, poiché giustamente la cronaca non va in vacanza. Filo conduttore e punto di forza è la freddezza con cui vengono trattati gli imprevisti: dal blitz degli estremisti alle telefonate da casa, dalle rivelazioni in diretta alle liti con persone coinvolte nelle indagini. Federica Sciarelli riesce sempre a non farsi sorprendere dagli eventi gestendo il tutto con sangue freddo, circostanza che le conferisce ulteriore credibilità agli occhi del pubblico. Altri due punti di forza? Il sito internet e la pagina Facebook. Il primo è funzionale e di facile utilizzo, d’altronde il suo scopo è permettere il ritrovamento di persone scomparse e non vincere il premio come miglior sito dell’anno. Allo stesso modo la pagina Facebook di Chi l’ha visto? è utilizzata quasi unicamente per pubblicare gli annunci delle persone scomparse, sintomo di come al programma e alla conduttrice interessino più le risoluzioni dei casi che i contenuti web.

Alcuni critici ricordano il caso Sarah Scazzi. La conduttrice si ritrovò in collegamento con la madre della vittima nel momento del rinvenimento del corpo. Alcuni parlarono di mancato rispetto, ma in realtà Federica Sciarelli gestì il tutto nel migliore dei modi possibili: ormai era in diretta e il fatto era accaduto, l’unica cosa era cercare di trattare la madre con il maggior rispetto possibile. Ciò non giustifica il fatto che Concetta Serrano sia venuta a conoscenza della morte di sua figlia dalla tv, ma la diretta è la diretta. Nonostante tutto il fatto catalizzò l’attenzione degli italiani toccando punte del 40% di share e mettendo in crisi Pippo Baudo, in quel momento alla conduzione del Festival di Sanremo su Rai Uno.

Federica Sciarelli ha reso Chi l’ha visto? l’unico programma la cui missione è veramente il servizio pubblico e per farlo ha messo da parte le calde tecniche narrative della tv concentrandosi solo sulla competenza dei suoi inviati, la precisione dei suoi racconti e l'assenza di morbosità. La forza sta proprio nel raccontare storie, indagini e misteri in modo freddo e distaccato. Così la trasmissione è riuscita a coinvolgere il pubblico. Le indagini di Chi l’ha visto? hanno conquistato la televisione italiana e l’attenzione del pubblico senza il bisogno di urlare, ma solo realizzando un buon lavoro. 

Tags

Condividi questo articolo